Il Cammino verso Bobbio

HOME / LE TAPPE / IL CAMMINO VERSO BOBBIO

Attraversando la frontiera svizzera e scendendo dalle montagne, il percorso passa per Chiavenna, segue la sponda del Lago di Como fino a Lecco, poi quella del fiume Adda fino a Vaprio d’Adda, prima di dirigersi verso Milano, costeggiando il canale della Martesana. Fu qui che Colombano incontrò il re longobardo Agilulfo e la regina Teodolinda, che gli concessero le terre a Bobbio su cui costruire il suo ultimo monastero.
In territorio lombardo dal centro di Milano fino alla via Francigena coincide per un lungo tratto con il Cammino dei Monaci, nato dallo studio di un percorso – in collaborazione con il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano – oggi consultabile nel sito www.valledeimonaci.org
Prima di raggiungere il Guado sul fiume Po a Corte Sant’Andrea l’itinerario attraversa l’unica collina milanese e raggiunge il borgo di San Colombano al Lambro dove è ancora viva la memoria del passaggio del monaco irlandese.
In territorio piacentino il sentiero sale poco a poco dalla pianura sulle colline intorno alla Val Trebbia, attraversando il piccolo borgo di Piozzano fino alla cittadina di Bobbio, dove si può ancora visitare il monastero e la tomba del Santo.
E’ tra i 19 sentieri d’impronta religiosa, promossi dalla Regione Lombardia, dove il pellegrino e il turista coesistono.

Il Cammino di San Colombano in territorio italiano è lungo 325 km e diviso in 18 tappe, 10 dal confine svizzero fino a Milano (189 km) e 8 da Milano fino a Bobbio (136 km).

E’ possibile percorrere il Cammino con lo spirito del pellegrino per l’ultimo tratto di km 136 da Milano (Basilica Sant’Eustorgio) a Bobbio (Basilica di San Colombano) per n. 8 tappe. Il pellegrino potrà far timbrare la credenziale a ogni tappa dell’itinerario e, una volta giunto alla tomba del Santo, ricevere il Testimonium.

Logo